Cistite

Quando le vie urinarie chiedono aiuto, la fitoterapia risponde

Cranberry e Melograno: insieme contro la cistite, per il benessere delle tue vie urinarie.

Ogni volta è un bruciore, oltre che un intenso dolore. Praticamente impossibile non correre con urgenza alla toilette, con la sensazione di non riuscire mai a liberarsi completamente. Per non parlare dell'irritazione e del fastidio nella regione pelvica. A volte poi, si aggiunge anche la pesantezza al basso ventre e, di in tanto, la perdita di qualche goccia di pipì. Pipì che infine emana un cattivo odore.

E' quello che avverti, o che ti è capitato di avvertire in passato, magari più di una volta nel corso della tua vita? Sono sintomi tipici della cistite, una delle infezioni delle vie urinarie più diffuse e comuni, che colpiscono soprattutto le donne, in particolare quelle con qualche problema preesistente dell’apparato urinario, come la vescica iperattiva, associata o meno ad incontinenza da stress.

Non è niente di estremamente preoccupante. Ma può alterare la qualità della vita e  anche della giornata, oltre che imbarazzante, se quello stimolo di dover continuamente fare pipì arriva nel bel mezzo di un evento importante.

Colpevoli dell’insorgenza della cistite sono nella maggior parte dei casi dei batteri di origine intestinale, di cui l'Escherichia Coli è tra i principali responsabili - insieme ad altri bacilli Gram-negativi come il Proteus, la Klebsiella e occasionalmente l'Enterobacter - che risalgono dalla vagina e aggrediscono con più facilità l’apparato urinario femminile a causa della conformazione anatomica: nelle donne, infatti, l’uretra è molto breve (misura solo 3-4 centimetri) e così, inevitabilmente, i batteri devono fare poca strada per arrivare dalla zona dell'ano e della vagina fino alla vescica, e lì andare all’attacco sul bersaglio.

Ai batteri possono aggiungersi altre possibili cause che favoriscono l’insorgenza della cistite, come ad esempio infezioni virali o fungine, farmaci o terapie come le radiazioni o altre sostanze chimiche, oppure l'insidiosa cistite interstiziale, un'infiammazione cronica della vescica le cui cause multifattoriali non sono state ancora tutte identificate.

Cistite: l'importanza di trattarla presto

Le opportunità di cura per la cistite, che di norma si risolve in qualche giorno, ci sono e sono efficaci. L'importante è affrontare l'infezione presto, ai primi sintomi, per evitare che possa evolvere verso una manifestazione più grave che può provocare anche sangue nelle urine e sintomi come febbre e brividi.

Fai attenzione al primo sospetto di cistite, perché si annuncia con segnali che possono essere scambiati anche per problematiche più generali o di altra natura, come ad esempio uno stato influenzale, con il quale però non ha nulla a che vedere! Quindi la prima indicazione, se non sei soggetta a cistiti e non conosci il problema, è rivolgerti al medico per una diagnosi certa, per lo più eseguita con l’analisi delle urine e l’urinocoltura.

Un integratore naturale per il benessere urinario

Nelle forme più difficili, la terapia per la cistite di norma è medica, con antibiotici. Ma, soprattutto quando si tratta di un problema ricorrente, è consigliabile prevenirlo con l’uso di integratori alimentari completamente naturali e privi di effetti collaterali di rilievo.

Ad esempio, rubis è un integratore alimentare a base di Orocyan, estratto altamente purificato di Cramberry (vaccinium macrocarpon) e di Melograno (punica granatum) che proprio grazie alla presenza del Cramberry può favorire la funzionalità del tratto urinario.

Il Vaccinium mocracarpon o Mirtillo rosso americano, ormai comunemente conosciuto da tutti come Cranberry, è una pianta medicinale con comprovato effetto protettivo sulla vescica. Già gli indiani d’America utilizzavano comunemente queste bacche per curare le ferite cutanee e per prevenire e trattare le infezioni delle vie urinarie e lo scorbuto.

I benefici di questa pianta si trovano nell’estratto che è caratterizzato dalla presenza di strutture polifenoliche, in particolare le proantocianidine di tipo A (PAC), le quali svolgono attività anti-adesiva batterica e, interagendo con i differenti ceppi batterici, contribuiscono a contrastare l’insorgere delle cistiti, limitando in particolare la colonizzazione batterica della vescica.

La cistite, essendo una infiammazione della vescica, rilascia molti agenti ossidanti i quali a loro volta aumentano l’effetto dell’infiammazione, per questo motivo è ottimale associare all’estratto di Vaccinium mocracapon un antiossidante come il Melograno.

Chiediti se sei a rischio cistite

I principali fattori di rischio per le infezioni delle vie urinarie:

  • L’età. Anche la giovinezza, contrariamente a quello che si possa pensare, è “rischiosa”. Infatti la cistite può colpire già da bambine: il 3% di giovanissime in età scolare ne è soggetta, con una prevalenza via via superiore fra le adolescenti e all’inizio dell’attività sessuale. Mentre il 25% di donne tra i 20 e i 40 anni ne ha sofferto almeno una volta nella vita;
  • Fasi particolari della vita. La gravidanza e la menopausa espongono a maggiori probabilità di sviluppare una cistite, allora se rientri in questa fascia di età o condizione e hai strane sensazioni quando fai pipì, parlane con il tuo medico;
  • Abitudini scorrette. La cura e la tutela del benessere femminile fanno la differenza nella prevenzione della cistite. La quale può essere influenzata ad esempio dalla cattiva igiene intima o dall'uso di detergenti troppo aggressivi e non specifici oppure anche di spermicidi, tamponi interni durante il ciclo mestruale non sostituiti con la dovuta frequenza e rapporti sessuali non protetti;
  • La cura a tavola. Un certo tipo di dieta può contribuire ad irritare la vescica. Ad esempio un'alimentazione molto ricca di grassi, compresi condimenti quali burro o margarina, cibi e spezie piccanti, salse come maionese e senape, insaccati, fritti e formaggi molto saporiti, ma anche alcuni frutti come agrumi e fragole, fra i dolci il cioccolato e i prodotti contenenti dolcificanti artificiali, le bevande zuccherate come tè freddo e succhi di frutta, o altre che contengono caffeina quali caffè, tè e le bevande di produzione industriale, alcolici e superalcolici;
  • Terapie farmacologiche. Informati con il tuo medico, perché alcune terapie potrebbero accendere l’infiammazione delle vie urinarie e dare il via alla cistite e nel caso potrebbe essere efficace un'azione preventiva.

5 consigli anti-cistite

Prima che la cistite diventi un problema puoi mettere in pratica alcune mosse facili, intelligenti ed efficaci:

  • Fai scorta di acqua.Ideali, per contrastare la cistite, sono almeno due litri al giorno di acqua che depurano l’organismo.
  • Mangia bene e sano. Ovvero incrementa nella dieta l’apporto di frutta e verdura fresca, di carni bianche e pesce. In particolar modo, arricchisci il fine pasto con i mirtilli rossi (quando sono di stagione) che hanno effetti benefici sulla salute delle vie urinarie, impedendo ai batteri di aderire alle pareti della mucosa della vescica;
  • Cura la tua igiene intima. Fai cioè attenzione a compiere durante il lavaggio un movimento corretto che va dalla vagina all'ano, mai viceversa, usando in ogni occasione detergenti specifici rispettosi del pH della tua pelle. Per asciugarti utilizza asciugamani strettamente personali sia in casa che in albergo;
  • Preferisci fibre naturali. Il cotone è la fibra perfetta della biancheria intima piuttosto che fibre sintetiche che non favoriscono la traspirazione, agevolando di conseguenza la proliferazione dei batteri;
  • Scegli abiti morbidi e comodi. Se sei soggetta a infezioni e infiammazioni, meglio non dare retta alla moda stretch perché irrita le parti intime. Privilegia pantaloni comodi e in tessuti morbidi. Insomma niente jeans skinny perché, indossati per molte ore di seguito, possono aumentare le possibilità di insorgenza della cistite, creando un ambiente favorevole ai batteri.
area
medica

registrati per poter accedere all'area medica riservata

scopri di più
newsletter

iscriviti per ricevere tutti gli aggiornamenti e le novità di Cristalfarma

iscriviti