Cristalfarma

Cistite


La cistite è la più comune e frequente tra le infezioni delle vie urinarie (IVU), che a loro volta costituiscono una delle affezioni di più comune riscontro nella pratica medica, insieme alle infezioni dell'apparato respiratorio. Le IVU sono anche al primo posto fra le infezioni nosocomiali.
La cistite attacca le basse vie urinarie ed è causata perlopiù  da microrganismi che attaccano la vescica.
Si parla di:
- Cistite Acuta, se l'infezione delle vie urinarie è occasionale e si risolve dopo un trattamento adeguato;
- Cistite ricorrente o cronica, se si verificano più di 3 episodi di infezione delle vie urinarie in un anno.

Chi colpisce?
Le infezioni acute di cistite sono molto comuni e colpiscono il 3% delle bambine in età scolare e la loro incidenza aumenta notevolmente durante l’adolescenza, con l’inizio dell’attività sessuale. Proprio per questa motivazione è considerata una malattia del sesso femminile, tanto che la metà delle donne ha, almeno una volta nella vita, un episodio acuto di cistite. In particolare tra i 20 e i 40 anni il 25% delle donne afferma di averne sofferto almeno una volta.Questo è dovuto soprattutto alla conformazione anatomica: sia per la limitata lunghezza dell’uretra femminile, sia per il suo sito d’apertura, più facilmente contaminabile da organismi fecali.
Dopo i 50 anni di età la cistite è frequente anche tra gli uomini, essendo favorita dall’aumento di volume della prostata (ipertrofia prostatica).

Quali sono le cause della cistite?
I batteri sono la causa principale della patologia ma non è l’unica, infatti anche  funghi, virus, stitichezza, alcuni metodi contraccettivi, un’igiene non corretta ma anche particolari condizioni dell’organismo, come gravidanza e menopausa, possono essere considerate fattori che causano la cistite.
Tra gli organismi che possono provocare una infezione delle vie urinarie, i bacilli Gram-negativi sono di gran lunga i più comuni. L'Escherichia Coli (batterio tipico della flora batterica intestinale ) è la causa di circa l’80% delle infezioni acute; altri bacilli Gram-negativi - specialmente il Proteus e il Klebsiella e occasionalmente Enterobacter - possono essere implicati in una piccola percentuale di infezioni non complicate.

Un integratore contro la cistite
L'uso di un integratore contro la cistite può risultare molto efficace. La pianta medicinale che possiede un comprovato effetto protettivo della vescica è il Vaccinium mocracarpon o mirtillo rosso americano. Già gli indiani d’America utilizzavano comunemente queste bacche per curare le ferite cutanee e per prevenire e trattare le infezioni delle vie urinarie e lo scorbuto. L’estratto di Vaccinium macrocarpon è caratterizzato dalla presenza di strutture polifenoliche, le cosidette proantocianidine di tipo A (PAC) le quali posseggono l’attività anti-adesiva batterica e quindi è in grado di contrastare l’insorgere delle IVU.
Le PAC interagiscono direttamente con le strutture fimbriacee di tipo P presenti sui ceppi uropatogenetici di E.Coli, impedendo l’aggancio tra le fimbrie stesse e la glicoproteina recettoriale posta sull’epitelio uro-vescicale. Tale impedimento limiterebbe la capacità di adesione, e quindi proliferativa, di E.coli che non sarebbe più in grado di determinare colonizzazione efficace e malattia.
L’attività del Vaccinium mocracarpon è strettamente correlata alla presenza di almeno 36 mg di PAC, la cui concentrazione deve essere determinata secondo il metodo HPLC, metodo utilizzato dalla Farmacopea ufficiale (non molti prodotti in commercio hanno questo quantitativo).

La cistite essendo una infiammazione delle vescica rilascia, inoltre, molti agenti ossidanti i quali a loro volta aumentano l’effetto dell’infiammazione, per questo motivo ottimale è associare all’estratto Vaccinium mocracapon un antiossidante.
Il Melograno svolge questa azione grazie alla presenza dell’acido ellagico contenuto in esso, controllando lo sviluppo flogistico.

Bibliografia
F.Capasso, G. Grandolini, A,A, Izzo. Fitoterapia, Impiego razionale delle droghe vegetali. Spinger 2006

 



 

seguici su