menu
Cristalfarma

Cannella


 

Denominazione botanica: Cinnamonum zeylanicum

Famiglia: Lauracee

Parte utilizzata: corteccia

La cannella Cinnamomum zeylanicum, detta anche Cinnamomum verum è un piccolo albero sempreverde alto circa 10-15 m, della famiglia delle Lauraceae. Le foglie sono opposte, di forma ovale e allungata, possono raggiungere i 18 cm di lunghezza e i 5 cm di larghezza. I fiori, bianchi, sono riuniti in infiorescenze.

PREPARAZIONI FARMACEUTICHE CONSIGLIATE: La letteratura attribuisce un ruolo importante all’olio essenziale per l’attività carminativa, ed il controllo della diarrea, nonché del’acidità gastrica, per cui viene utilizzata nella dispepsia e nella nausea, nella flautolenza e nelle coliche intestinali, nelle diarree e nelle turbe digestive in genere. E’ allo studio l’azione antiossidante. (1)

COMPOSIZIONE CHIMICA: L’olio essenziale di cannella contiene molte molecole biologicamente attive tra cui: cinnamaldeide (60-75%), cinnamilacetato, eugenolo, β-cariofillene, linalolo, 1,8- cineolo, e procianidine, polisaccaridi, acido cinnamico, acidi fenolici.

PROPRIETA’ TERAPEUTICHE: Funzione digestiva. Eliminazione dei gas intestinali. Regolarità del transito intestinale. Antiossidante. Metabolismo dei carboidrati.

CONTROLLO DELL’ACIDITA’ GASTRICA

L’azione della cannella è legata al controllo della pompa protonica H/KPasi (2).

La pompa protonica H/K ATPasi.

E’ il principale responsabile dell’acidità dell’ambiente gastrico. Una riduzione dell’attività di questa pompa salvaguarda lo stomaco dai danni strutturali dipendenti dall’iperacidità gastrica, sempre maggiormente registrata in soggetti con alterazioni funzionali gastrointestinali.

AZIONE ANTINFIAMMATORIA

L’azione antinfiammatoria (inibizione dell’espressione del fattore NF-kB e riduzione di produzione di COX-2) della cannella (e in particolare dei suoi oli essenziali) è riportarla in diversi studi (3).

AZIONE ANTIMICROBICA

L’azione antimicrobica dell’olio essenziale di cannella verso:

  • Gram+ (Listeria monocytogenes, Enterococcus faecalis, Staphylococcus aureus e Bacillus cereus)

  • Gram- (Salmonella choleraesuis, Escherichia coli, Pseudomonas aeruginosa e Yersina enterocolitica) è ampiamente dimostrata in molti studi (4).

    AZIONE ANTIDIABETICA/INSULINO – SIMILE

    L’azione antidiabetica è riferita ai polifenoli; tra i più importanti: rutina (90,0672%), catechina (1,9%), quercetina (0,172%), kaempferolo (0,016%), e isoramnetina.

    AZIONE ANTIOSSIDANTE

    Gli oli essenziali e altri componenti (come l’E-cinnamaldeide, l’eugenolo e il linalolo) sono studiati in riferimento alla loro azione sulla perossidazione lipidica. In uno studio comparativo su 26 spezie è stato dimostrato come l’olio essenziale di cannella abbia la maggiore attività antiossidante. Il meccanismo d’azione è di tipo scavenger dei radicali liberi. (5)

    PROFILO DI TOLLERABILITA’ E SICUREZZA

    E’ riconosciuta in Letteratura l’allergia all’olio essenziale di Cannella, si riferiscono come effetti indesiderati, irritazioni cutanee in modelli animali.


    Bibliografia:

  1. Escop Monograph. 2003 – Cinnamomi Cortex
  2. Wu KL et al. Effects of ginger on gastric emptying and mobility in healthy humans. Eur J Gastroenterol Hepatol. 2008
  3. Escop Monograph. 2003 – Cinnamomi Cortex
  4. Escop Monograph. 2003 – Cinnamomi Cortex
  5. Escop Monograph. 2003 – Cinnamomi Cortex

 

 

 

seguici su