menu
Cristalfarma

Shiitake e betaglucano


 

 

Si tratta di un fungo coltivato da secoli in estremo oriente, dove viene utilizzato come immunostimolante e anche come tonico generale. Tra i suoi vari componenti quello che si ritiene più importante è il beta glucano. Si tratta di un polisaccaride dotato di un’interessante azione immunostimolante. Tale azione immunostimolante è di tipo aspecifico, ossia rivolta ad incrementare l’azione delle cellule immunocompetenti e non la produzione di anticorpi.

Il beta glucano è capace di legarsi a specifici recettori glicoproteici presenti sulla membrana cellulare dei macrofagi attivandoli.  Esso stimola l’attività dei macrofagi, incrementandone la fagocitosi, ossia la capacità di inglobare e distruggere batteri, virus e funghi.  Inoltre incrementa la produzione da parte di queste cellule di citochine, ossia sostanze dotate di azione stimolante specifica sul sistema immunitario.

Le interleuchine maggiormente responsive al beta glucano sono il tumor necrosis factor alfa (TNF alfa), l’interleuchina 1 beta (IL1Beta), l’interleuchina 6 (IL6), l’interleuchina 8 (IL8), l’interleuchina 10 (IL10) e l’interleuchina 12 (IL12).

Il beta glucano è attivo anche sulle cellule NK, che sono dei linfociti capaci di distruggere le cellule infettate e di stimolare l’attività dei macrofagi attraverso la produzione di gamma interferone. Le cellule NK distruggono anche le cellule anormali come ad esempio quelle tumorali e sono a loro volta sensibili ad alcune citochine prodotte dai macrofagi, che ne esaltano l’attività. Pertanto lo shiitake e il beta glucano in esso contenuto hanno una valida attività come stimolanti del sistema immunitario aspecifico, migliorando la protezione dell’organismo contro le infezioni.

seguici su