Panico da meningite

In questi giorni si sta parlando sempre di meningite dall’America all’Europa e quindi non potevano mancare episodi anche in Italia. In realtà i decessi per meningite americani sono imputabile a cause un po’ diverse rispetto a quelle che si stanno verificando da quest’altra parte dell’oceano.

Capiamo un po’ il perché… che cos’è la meningite?
La meningite è un'infiammazione delle membrane protettive che coprono l'encefalo e il midollo spinale, note come meningi. L'infiammazione può essere causata da un'infezione virale, batterica o da altri microrganismi quali funghi e meno frequentemente da alcuni farmaci. La meningite può essere pericolosa per la vita, per via della sua localizzazione, quindi la condizione viene classificata come una emergenza medica.
I sintomi più comuni di meningite sono il mal di testa e la rigidità del collo, associate alla febbre, allo stato di coscienza alterato, vomito e all'incapacità di tollerare la luce (fotofobia) o i forti rumori (fonofobia). A volte, soprattutto nei bambini piccoli, solo alcuni sintomi aspecifici possono essere presenti, come l'irritabilità e la sonnolenza. La diagnosi di meningite può essere fatta grazie all'esecuzione di una puntura lombare

In America…
All’origine dell’epidemia c’è un farmaco contaminato, un medicinale antinfiammatorio per il mal di schiena. In questo caso si tratta di una meningite specifica, causata da un fungo sviluppatosi a causa di una mancata sterilizzazione di fiale medicinali. Normalmente la meningite fungina è poco contagiosa ma si manifesta prevalentemente in soggetti con scarsa risposta immunitaria. La forma batterica, meno frequente , è molto più grave . Le sue varianti più diffuse sono emofilo, pneumococco e da meningococco.

In Italia…
La forma batterica che ha portato al decesso all’inizio del mese un uomo di Bologna e qualche settimana prima una ragazzina di Monza ed ad altri episodi che si stanno verificando in tutta Italia non ultimo ad Agrigento, che ha lasciato a casa tanti bambini per la fobia della meningite.
L’infezione di solito si contrae attraverso goccioline di saliva per via respiratoria, che possono essere trasportate dall’aria quando qualcuno tossisce, ride, parla o starnutisce e possono infettare le altre persone che le hanno toccate, portano le mani al naso o alla bocca.
E' importante attenersi alle normali regole igieniche, lavandosi bene e di frequente le mani, evitando il contatto ravvicinato con i malati e la condivisione di cibi, bevande e stoviglie.

area
medica

registrati per poter accedere all'area medica riservata

scopri di più
newsletter

iscriviti per ricevere tutti gli aggiornamenti e le novità di Cristalfarma

iscriviti